Franco Zeri

SCRIVI

NEWS

INFO

MAPPA


SCIENZA DEL COLORE

Scienza del colore

Il sistema NCS - Natural Colour System

IERI
Anni 60
Anni 70
Anni 80
Anni 90
OGGI


STORIA DELLA COMUNICAZIONE VISIVA

DIGITAL OPERA

WEB STYLE

ALERT !

Problem determination

Biografia

Colorimetria

Sintesi Additiva e Sottrattiva
RGB -CMYK


CIE

Munsell

HSW - HSB

DIN

NCS

GAFT

Pantone

GRAFICO SISTEMI

Il sistema di NCS è basato sulla teoria dei colori opponenti ipotizzata dal fisiologo tedesco Ewald Hering (1834-1918) e confermate sperimentalmente nel 1966 da David Hubel e Torsten Wiesel.
I colori opponenti sono generati dalle cellule antogoniste presenti nelle vie che vanno dall'occhio al cervello. Queste cellule producono post immagine negativa: se guardo il rosso e succesivamente chiudo gli occhi vedo verde.

colori oppenenti del sistema visivo

Il sistema di NCS è stato realizzato dall'Istituto Scandinavo del Colore (SCI) nel 1946, ed è il frutto di un lavoro di ricerca che dura da mezzo secolo.
Nel 1952 è stato introdotto l'atlante di colore con 600 colori.
I ricercatori principali che hanno sviluppato questo sistema Tryggve Johansson, Sven Hesselgren ed Anders Hard.

Nel mese di novembre del 2000 è stato aperto Il centro di colore di NCS negli Stati Uniti per fornire i prodotti NCS e fornire un servizio consultivo per gli specifiers e fornitori e colore training.

Oggi il sistema NCS è composto da 1750 campioni di colore in una distribuzione omogenea, percettivamente equidistante, contenente anche i valori della norma CIE.
NCS ha studiato un software, con misurazioni spettro-fotometriche, dove è possibile definire qualsiasi campione di colore tramite il codice NCS.

Il sistema NCS (Natural Colour System) oggi costituisce la Norma svedese 55 01 91 02, adottata da molti paesi europei.

Il sistema NCS si basa su sei colori fondamentali:
4 colori cromatici: giallo (Y=yellow), rosso (R=red), blu (B= blue), verde (G= green)
due colori acromatici: bianco (W=witnes) e nero (S= swartnes).
I quattro colori fondamentali insieme ai colori intermedi compongono il cerchio cromatico NCS.



I due colori acromatici danno luogo a una scala lineare
W che va dal bianco al nero (scala dei grigi).
La mescolanza tra i colori fondamentali e la scala dei grigi producono tutti i colori percepibili in una forma di un doppio cono (solido cromatico NCS).



La disposizione geometrica dei colori all'interno del solido cromatico NCS consente la codificazione di 1.750 colori, considerati idonei ad essere applicati professionalmente nei vari campi della cominicazione e del design.

Il cerchio cromatico NCS è suddiviso in quattro aree delimitate dai colori fondamentali: Y, R, B, G.
Ogni area viene a sua volta suddiviso in 10 segmenti.
Il cerchio cromatico completo NCS contiene 40 colori con la massima saturazione.
La denominazione dei colori NCS viene espressa in un codice in percentuale.
Es. Y70R significa: 30 parti di giallo e 70 di rosso.



Ognuno dei 40 colori del cerchio cromatico NCS ha una sezione verticale del solido che si unisce all'asse della scala dei grigi creando 40 triangoli (tavole NCS).
Sui vertici di ciascun triangolo si trovano i tre valori assoluti: sul vertice di destra il colore della massima saturazione (C), su quello di sinistra in alto, il bianco assoluto (W) e su quello in basso, sempre a sinistra, il nero assoluto.